La grande lista dei GDR sotto licenza libera

Con la benedizione di @ranocchio, vorrei raccogliere qui in un elenco tutti i giochi disponibili sotto licenza Creative Commons, suddivisi per tipo di licenza. Per ogni gioco indicherò anche dove trovarlo.

CC0

Dungeonpunk: “the crunchy punk fantasy adventure roleplaying game”, dovrebbe essere uno strano miscuglio di OSR e PbtA/FitD.

CC-BY

Blades in the Dark: il gioco industrial fantasy di John Harper, propulso dall’apocalisse a modo suo.

Circles of Power: un gioco di ruolo su società e stregoneria, propulso dall’apocalisse.

DramaSystem: sistema alla base di Hillfolk, della Pelgrane Press.

Dungeon World: penso non abbia bisogno di presentazioni… … nemmeno la versione italiana

Fate: la Evil Hat ha reso disponibile il manuale base, il condensato e l’accelerato, oltre al system toolkit e qualche espansione. Trovate tutto il materiale CC alla pagina indicata e una parte del materiale è disponibile anche in italiano.

Fantasy World: PbtA fantasy di @Hasimir. Tradotto in italiano da @Luca_Maiorani.

Forthright: a occhio mi sembra un gioco tradizionale, che si presenta come universal-avventuroso.

For the Queen: gioco della Evil Hat in cui si crea una storia sulla base delle carte estratte da un mazzo speciale… non è granche come descrizione, ma non ho capito molto di più.

Freeform Universal: gioco semplice e universale.

Gumshoe: il sistema alla base di tutti i titoli investigativi della Pelgrane Press.

In the Dark of a Fallen Empire: OSR molto semplice e senza classi, hack di In the Light of a Ghost Star. @thekernelinyellow sta facendo una traduzione italiana molto semplice.

Ironsworn: gioco propulso dall’apocalisse e creato per essere giocato (anche) in solitaria o in gruppo senza GM, parla di giuramenti sul ferro e pericolose cerche.

Knave: sistema OSR senza classi.

Lasers & Feelings: gioco da una pagina basato su una sola meccanica per la risoluzione dei conflitti. E’ forse il gioco che ha ricevuto più reskin: in rete si trovano adattamenti per tutti i tipi di ambientazione / situazioni. Anche questo gioco è adatto a partite one-shot.

Legacy: PbtA della UFO press su sopravvivenza e ricostruzione in un mondo devastato da un evento apocalittico. La licenza CC copre la SRD e non l’intero gioco.

Loner: Loner è un RPG freeform minimale progettato per giocare con un personaggio solo in modalità “narrativa”. Basato su Freeform Universale e Recluse Engine.

Masks - a new generation: il gioco propulso dall’apocalisse su supereroi adolescenti alla ricerca della loro identità. Gli elementi sotto licenza CC-BY sono stati messi a disposizione da @Iconpaul in una SRD chiamata Drama-Powered Teens.

Maze Rats: OSR basato su un sistema personalizzato 2d6.

Resistance Toolbox: il sistema alla base di Spire, gioco di ruolo di Grant Howitt.

Rinascimento: gioco OSR basato su GLOG - Many Rats on the Sticks, The GLOG Hack, Knave, Relic, Into the Odd, Troika, ARC, Cairn, Vaults of Vaarn, The Conjuror, Necropraxis Harzard System e altri

so1um enhanced: versione “aumentata” di so1um di Matt Jackson, è un gioco dedicato specificamente al solitario

Solar System: la versione “generica” del sistema che sta alla base di The Shadow of Yesterday. Disponibile anche in italiano.

Trophy: un gioco su un gruppo di cacciatori di tesori e una missione maledetta che li porterà alla rovina. Ispirato da Cthulhu Dark e Blades in the Dark.

Tunnel Goons: OSR minimale che ha generato parecchi derivati. Tradotto in italiano da @zeruhur

CC-BY-SA

Anima Prime: il gioco di ruolo ispirato a Final Fantasy e Avatar:TLA.

Cairn Un gioco di avventura sull’esplorazione di un Bosco Tetro. Basato su Knave (Ben Milton) e Into the Odd (Chris McDowell). Disponibile anche in italiano

Donjon: dungeon-crawling interpretato in vena leggera da Clinton R. Nixon nel 2002. Versione in pdf creata da @Iconpaul

FateLess: il gioco di ruolo senza GM di @Hasimir. Traduzione in italiano di @Iconpaul.

Fellowship 2nd Edition

GIST!: scritto ex novo da @zeruhur basato sulla meccanica 2d6 di Classic Traveller come framework generico per basare altri giochi

GLOG Hack: gioco OSR composto da GLOG e alcuni elementi di Into the Odd e Black Hack 2e (versione italiana).

In the Light of a Ghost Star: di Nate Treme (Highland Paranormal Society), OSR gotico/fantascientifico senza classi, molto semplice.

La Spada e gli Amori: un gioco di storie ispirato dai romanzi di Chretien de Troyes e da Archipelago III di Matthijs Holter.

Marshmallows and Monsters: gioco per campeggiatori avventurosi, minimale e di ispirazione FKR di @thekernelinyellow.

Minimald6: sistema molto semplice che ha generato una serie di ambientazioni (oltre due dozzine)

Paladin: gdr di inizio anni 2000 di Clinton R. Dreisbach su tutori della legge e difensori dell’onore.

Roamers of the Dream: prima implementazione di GIST! È un OSR ambientato nelle Terre del Sogno (per ora solo ENG).

Uncharted Worlds: il gioco di ruolo space opera propulso dall’apocalisse.

WuShu: gioco che non conosco, ma che - andando a memoria - dovrebbe essere il meno recente fra i presenti a questa pagina.

CC-BY-NC

Mythender: un gioco d’avventura e d’azione, in cui gli eroi annientano divinità e mostri.

Undying: il gioco di ruolo propulso dall’apocalisse che parla di vampiri e non usa dadi.

CC-BY-NC-SA

Bloody Handed Name of Bronze: gioco di sword and sorcery viscerale ambientato nell’età del bronzo.

Chimera: esperimento di fusione della filosofia PbtA con il d20 system (alla base di D&D dalla 3a edizione).

Cosmic Patrol: un gioco di ruolo ambientato in un futuro retrò, basato sull’epoca d’oro della fantascienza.

Danger Patrol (beta): gioco di Harper dove i personaggi fanno parte di un’unità “anti crisi” che entra in azione per risolvere problemi e pericoli. In qualche modo è molto vicino alla prima ambientazione per Cortex Prime: Hammerheads

Eclipse Phase: gioco di ruolo sulle cospirazioni trans-umane e sull’orrore (qualsiasi cosa voglia dire). Non lo conosco.

Ghost Lines: è un mini-PbtA ambientato nello stesso universo di Blades in the Dark.

GLOG, regolamento OSR minimale e super hackerabile. Qui quella tradotta in italiano da @zeruhur.

Lady Blackbird: è un gioco di ruolo pensato per delle partite one-shot, ambientato nell’Harperverse. Ha due seguiti, ambientati nello stesso universo. Il suo sistema di gioco importa qualcosa del Solar System (le chiavi)

Not the End: gioco italiano che narra le avventure di eroi disposti a rischiare tutto per ciò che considerano importante.

Red Markets: il gioco dell’orrore economico.

The Shadow of Yesterday: gioco di Clinton Nixon del 2005. Non lo conosco, ma l’ho visto citato spesso su questo forum.

OGL

Cepheus Engine: GDR di fantascienza, basato su Traveller, che sua la meccanica 2d6 + modificatori (abilità) per la risoluzione delle azioni. Traduzione di @zeruhur, @Reshaim_78 e Luca Volpino

Cepheus: Più Veloce della Luce: versione “ridotta” di Cepheus Engine, pensata per mini-campagne e one-shot. Traduzione di @zeruhur

Cepheus Quantum: versione ultra-rapida modificata di Cepheus Engine pensata per rapide one-shot o convention. Traduzione di @zeruhur

La Scatola Bianca: traduzione italiana della White Box a cura di @zeruhur e @LordPersi

The Black Hack: Uno dei primi e più famosi retrocloni di D&D. Disponibile in quasi ogni lingua.

Quintessential BX: versione ridotta e ritoccata di B / X Essentials, revisione dell’edizione Basic / Expert di D&D. Traduzione di @zeruhur e @Dismaster_FraNe


Sono partito con i più noti, ma manterrò aggiornato il primo messaggio quando troverò altro, ad esempio grazie alle vostre segnalazioni (che spero saranno numerose). Se volete anche aggiungere una riga di spiegazione per i giochi, anche quello sarà apprezzato!

4 apprezzamenti

Ho reso il post una wiki.

1 apprezzamento

La diffusione delle licenze Creative Commons è uno dei miei personali obiettivi da tantissimi anni, una delle poche cose su cui mi sento davvero di fare attivismo. Grazie di aver fatto questa raccolta, contribuisco subito un paio di nuovi elementi.

3 apprezzamenti

Provo a mettere delle descrizioni colmando i buchi:

3 apprezzamenti

Alcuni di essi (pochi) sono anche in italiano:
Fate:

Dungeon World (lo devo dire?):
https://www.dungeonworld.it/

So che stanno lavorando alle traduzioni di Fantasy World e di Fateless. Purtroppo le traduzioni del Solar System e del Gumshoe sono andate perdute con la chiusura dei siti.

Ciao :slight_smile:

1 apprezzamento

Quali sono i siti? Magari qualcosa si recupera.
Per il solar system ho trovato la SolarWiki, dice di essere incompleta ma non so quanto (anche dungeonworld.it lo è, ma quello che manca è trascurabile)

Ah! La SolarWiki è ricomparsa! Non è più linkata da nessuna parte…
Sul Gumshoe.it c’era il link alla versione italiana dell’srd ma è sparita da anni.

Ciao :slight_smile:

Ciao, ho aggiornato sulla base degli ultimi messaggi.
Grazie per le segnalazioni!

@Red_Dragon, hai provato a vedere se con la Wayback machine si può recuperare la SRD italiana di gumshoe?

2 apprezzamenti

Io non l’ho trovata. Se qualcuno è più bravo di me con le ricerche…

Ciao :slight_smile:

l’ho cercata anche io su wayback, ma non ho visto particolari cambiamenti nelle versioni salvate

Dall’aldilà ho recuperato anche Donjon di Clinton R. Nixon (2002).

2 apprezzamenti

C’è anche Paladins, sempre suo, da qualche parte.

1 apprezzamento

Già… tipo il capitolo dei mostri Profondità della Terra, che un fan ha tradotto per conto suo e messo a disposizione di dungeonworld.it , ma non è mai stato “incollato” al resto. :face_with_hand_over_mouth:

È nella versione 2 della traduzione :slight_smile: ma non l’ho ancora completata.

2 apprezzamenti

Aggiunti tre PbtA che ignoravo: Circles of Power, Uncharted Worlds e Undying.

1 apprezzamento

Altra infornata: Freeform Universal, Resistance Toolbox, Mythender, Red Markets, Cosmic Patrol, The Bloody Handed Name of Bronze.

Man mano che la lista diventa più grande, sto constatando che diversi siti degli editori non danno la giusta evidenza al fatto che il manuale (o il suo testo) è soggetto a una licenza libera… cosa che depotenzia la licenza stessa e la diffusione poi del gioco stesso.

1 apprezzamento

Perché a loro interessa più che ti prendi la versione a pagamento.

Ciao :slight_smile:

1 apprezzamento

Non è nemmeno quello. Molti giochi sulla lista non sono gratuiti, almeno nella loro versione completa. E se sono un autore o editore professionale, che fa un lavoro di qualità, ci sta che chieda di essere remunerato per quello. Mi sembra solo strano che una licenza aperta, che può favorire una comunità di fan viva e pronta a produrre hack e materiale aggiuntivo (pensa solo alle traduzioni), non venga adeguatamente pubblicizzata.

Bell’idea quella di creare questa lista! Cito anche Not the End, non mi pare di averlo visro in elenco.

1 apprezzamento