GDR con story map/relationship map/situazioni iniziali collaborative?

Buongiorno,
credo che questo sia uno degli ultimi posti del web italico dove sia ancora possibile sperare di avere (in italiano) una risposta alla domanda del titolo.

Vediamo.

Conoscete giochi che hanno una creazione della mappa delle storia ( o della mappa delle relazioni) condivisa? O comunque della preparazione della campagna/situazione condivisa al tavolo?

Un esempio è il vecchio Legends of Alyria
http://alyria.blogspot.com/1990/01/storymap-preparation.html

Forse era condivisa anche in smallville RPG, ma non ne sono sicuro al 100% (e mi fa fatica andare a cercare il manuale).

E sicuramente ci sono giochi in cui si disegna la mappa insieme (Archipelago, On Mighty Thews) e quindi in un certo senso anche la story map/relationship map/situazione di gioco.

Magari c’è anche qualche PbTA. Di solito però fronti, minacce o come si chiamano nello specifico gioco vengono creati dalla figura del GM (quando c’è). Tenete conto, che non sono uno che conosce tutti i PbtA usciti approfonditamente. La maggior parte (ormai sono tantissimi) li conosco solo per nome e so di che tema parlano. Ne ho giocati 2 (forse 3 se la memoria mi inganna). E consco per averli letti solo i più famosi. E in nessuno di quelli che ho letto c’è una generazione condivisa di fronti e minacce.

Vi viene in mente nulla?

4 Mi Piace

Sì, ricordi bene. Era condivisa, e creata dai giocatori, in Smallville, ed è stata ripresa in seguito da altri giochi basati su Cortex. Questo si è evoluto fino all’ultima iterazione, presente nel nuovo Cortex Prime (chiamate Pathways).
Non ricordo se il manuale online è disponibile a tutti (io ho fatto il redeem attraverso il Kickstarter). Prova a cliccare qui e vedere se riesci ad accedere:

Come in Smallville, include elementi quali personaggi, personaggi secondari, situazioni, risorse, locazioni, oggetti particolari… Un po’ di copia/incolla, tanto per ricordarti lo stile:

Tutti pezzi di una ipotetica mappa, presi da alcuni esempi del manuale di Cortex Prime.

2 Mi Piace

Questo perché, a mio parere, un discorso è andare a creare elementi di ambientazione, di mappa, di amicizie/rivalità secondarie, o elementi a cui sei interessato o che vuoi vedere in gioco; ma costruire insieme anche minacce, e fronti, in sostanza l’opposizione, mette un po’ troppo le zampe nel giardino del master, che, per quanto non divinità costruttrice di railroad, è comunque ancora insignito del potere di costruire, gestire e far agire il Mondo intorno ai giocatori.

Certo, nulla vieterebbe una contaminazione ancora più pesante dei ruoli, ma non mi sembra che i PbtA o FitD canonici siano interessati ad esplorare questo terreno.
Forse l’eccezione è proprio Ironsworn, che prevede una creazione di alcuni elementi del Mondo/Campagna fra tutti i partecipanti (e la cosa influisce ad esempio sul genere di nemici e di problemi che affronterai durante la campagna), e se il gruppo decide di giocarlo in versione Cooperativa (quindi senza la figura canonica del Master al tavolo - una delle modalità previste e spiegate nel manuale, insieme alla modalità in Solitaria) effettivamente si andranno a creare in modo condiviso tutti gli elementi, nemici e “quest” (i Giuramenti) inclusi.

5 Mi Piace

Parlando di giochi narrativi non pbta mi viene in mente Itras By. Non ha istruzioni esplicite per mappe di relazioni e così, ma in sostanza ti suggerisce molto caldamente di passare la sessione zero a leggere tutti insieme il capitolo di ambientazione, cancellare le cose che non piacciono e scriverne di nuove più belle tutti insieme. Insomma, incoraggia a creare in modo condiviso anche elementi importanti (cosa che continua nel corso del gioco: c’è un GM, ma i giocatori hanno molta autorità narrativa e molte delle carte che costituiscono il sistema di gioco gli mettono proprio in mano le redini della storia).
Anche la creazione dei personaggi è condivisa: si pensa insieme a un’idea di campagna e quindi al gruppo di personaggi, si creano individualmente le schede, si pensa agli intrecci tra di loro.

2 Mi Piace