Legacy, vita tra le rovine 2 ed. - Consigli per la lettura

A Lucca comics 2022 ho comprato il manuale di “Legacy, vita tra le rovina” senza conoscerlo minimamente: lo avevo già visto in giro, la copertina è molto bella, era in super sconto, ed il tipo allo stand di MS edizioni sapeva fare bene il suo lavoro (ma non ricordo una parola).
Oggi finalmente lo apro per leggerlo, e sorpresa: è un propulso dell’apocalisse.

Ora…
Sicccome occasionalmente mi sveglio ancora nella notte, in piena fase rem, grindando “finalmente ho capito come si gioca a Dungeon World”, e puntualmente non ho capito un benemerito - niente…

No seriamente, sentire “pbta” da un po’ di tempo mi scoraggia, perché è indissolubilmente associato ad inutili sforzi e campagne abbandonate, e siccome col tempo ho appreso che ci sono pbta più ostici di altri, oppure qualitavamente su livelli diversi, vorrei sapere se avete un’opinione su questo gioco, ed eventualmente consigli per la lettura del manuale.

Grazie in anticipo.

byBobo

Per essere chiaro, malgrado le batutte, in questo thread si parla di Legacy, e dei pbta solo in riferimento alle considerazioni su legacy

Edit: ho notato ora che esiste un altro thred sul forum (se interessa) in cui si parla di Legacy. Col senno di poi potevo commentare quello, ma comunque la mia domanda è leggermente più specifica.

4 apprezzamenti

faccio fatica a capire cosa consigliarti per la lettura del manuale :confused:

io l’ho trovato abbastanza chiaro, tra i pbta è uno di quelli scritti decentemente, richiede tanta apertura mentale e/o un minimo di cultura ludica perché è un gioco sui generis (non eccessivamente più di altri, o meglio, in parte sì ma “rompe” alcune dinamiche che sono comuni a molti giochi).

l’ho giocato 2 volte, secondo me è veramente interessante, peccato che sotto le 10 sessioni non lo considererei neanche (non perché sia fatto male, ma perché vuole farti giocare un tipo di esperienza lunga, se gli metti fretta, secondo me ci sono altri giochi migliori).

3 apprezzamenti

Non ho capito, cosa intendi?

c’è il rischio, che se proponi “giochiamo a un gdr” e poi porti “legacy” ci siano molte meccaniche che… si scontrano male.

Legacy:

  • spinge a cambiare personaggio (ti dice di non focalizzarti solo sul PG generato ma su tutta la fazione di cui fa parte);
  • spinge a giocare solo alcuni momenti salienti e poi passare all’era successiva (suggerendo di non giocare tutto quello che succede in un’era o voler vedere tutte le ramificazioni delle scelte fatte ma di passare alla generazione successiva e giocare da lì);
  • alcuni libretti/fazioni modificano proprio il gioco, prenderli dovrebbe essere una decisione consapevole;
  • il gioco non spinge al PvP ma incoraggia eventuali ostilità (imponendo vari punti di contrasto evidenti, ma sottolineando anche che senza cooperazione tutta la comunità sarà portata alla rovina);
  • i PG creati possono morire senza che l’era finisca;
  • come molti PbtA ti dice molte cose, se non hai mai giocato di ruolo ti dice tutto quello che devi sapere, se hai già giocato ad altri giochi di ruolo, a seconda di quali tu abbia giocato, potrebbe cambiare alcune carte in tavola che magari non ti aspetti.
  • come il 99% dei PbtA si aspetta dei giocatori proattivi.
4 apprezzamenti

Scusa Osiride, ma cosa vuol dire “spinge” e “incoraggia”?

Quando parlo di “spinge”, “incoraggia” e via dicendo, intendo che leggendo il manuale ho capito che gli autori volevano che fosse giocato così, a volte tramite regole, altre tramite principi, altre ancora tramite paragrafi in cui spiegavano flussi di gioco e anche tramite esempi di gioco.

Non saprei citare le pagine precise perché non lo conosco così bene e/o a memoria e non sono del tutto convinto che alcune delle cose che ho scritto non siano delle regole esplicite (entrambe le giocate risalgono a più di 2 anni fa) ma sono abbastanza convinto che sia così che va giocato (avevo anche ascoltato una puntata di un podcast dove l’autore ne parlava).

5 apprezzamenti

Considerando che è l’unico GdR esistente post apocalittico basato sulla ricostruzione invece che sulla sopravvivenza, Legacy Vita tra le Rovine richiede di voler giocare non cosa succede al singolo personaggio ma come il mondo viene ricostruito (o distrutto) dalle azioni delle Famiglie.
Diversi punti li ha già detti Osiride, quindi non li ripeto.
Legacy non è adatta alle One Shot (ma a campagne brevi sì) e, come tutti i PbtA che conosco, richiede diversa esperienza per poterci giocare bene (riuscire a gestire Principi e Mosse non è sempre facile; richiede al contempo preparazione ed improvvisazione a svariati livellli).

Personalmente parlando (ma devo finirlo di provare), penso che funzioni bene il seguente schema:

  • prima era: si usano i Personaggi Rapidi e ci si concentra sui rapporti tra le Famiglie. Come dice il manuale stesso serve a prendere dimestichezza con la questione, non appena pronti, si cambia era e si inizia a giocare sul serio.
  • a differenza di alcuni esempi del Manuale, trovo molto più sensato cambiare Era quando si crea una Meraviglia o si perde contro un Fronte. Ci sono casi in cui l’evitare una Meraviglia (come evitare una Guerra Totale) o sconfiggere un Fronte (es.: tutte le Famiglie si sono riunite per sconfiggere la minaccia) possono far cambiare l’Era.
  • Dopo un certo numero di Ere (penso 6 ma è ancora da provare), si passa all’Era Conclusiva. Qui in realtà il manuale rimanda ad altri due supplementi che devono ancora uscire, ma bisogna tirare comunque le fila. Non so ancora come farla, ma vedremo quando ci arriveremo (se ci arriveremo).
  • il suggerimento di introdurre delle variazioni al Cambio di Era (Pag.248) come dice il Manuale è da applicare dopo alcuni Cambi d’Era.

I miei due cents…

Ciao :slight_smile:

1 apprezzamento

:man_facepalming:

Mi sa che vado OT ma…

Credo sia un po’ diverso da un post apocalittico od almeno così me lo hanno presentato. Questo punta più sull’horror.

Ciao :slight_smile:

Questo è vero soprattutto se giocato con l’espansione Engine of Life.
Auto-tradotto, dall’introduzione del PDF (enfasi mie):

Questo mondo ha visto tutta l’oscurità e la distruzione che poteva sopportare durante la Caduta.
È tempo di una scintilla di luce.
Finora, Legacy si è concentrato sulla lotta per sopravvivere a questo pericoloso nuovo mondo con tutto ciò che sei riuscito a portare alla luce, preservare e comprendere da Before. Ora, The Engine of Life ci porta un ulteriore passo avanti in una nuova direzione, comunemente trascurata nei giochi e assolutamente necessaria nel nostro mondo reale sempre più oscuro: la speranza! È un libro sulla costruzione di una nuova storia, nuove città, una nuova età dell’oro, in cui il mondo prima e la caduta diventano un incubo che svanisce nella luce del mattino.

2 apprezzamenti