Galaxies in Peril, la seconda edizione di Worlds in Peril usando il framework FitD

L’autore di Worlds in Peril – gioco che considero abbastanza ben fatto – ha deciso di “riforgiare nel buio” una nuova versione del gioco, chiamata Galaxies in Peril.

Non posso che ritrovarmi molto scettico verso questa scelta, ma è difficile dirlo senza vedere il manuale. Cosa ne pensate?

1 Mi Piace

A pelle sono scettico anche io. Però, a onor del vero, non ho alcun elemento di giudizio, per cui sarebbe più corretto sospendere il giudizio. Sicuramente non lo prenderò, per ora, perché sto cercando di tagliare le spese superflue.

1 Mi Piace

Io ho avuto diverse difficoltà con il gioco originale (Worlds in Peril). L’edizione italiana non mi ha aiutato, come speravo, a comprendere meglio il gioco.

Alla fine ho backato[1] Galaxies in Peril, solo per vedere come andava.

Mi è arrivata la preview qualche giorno fa, e devo dire che i miei sospetti continuano a essere abbastanza fondati. Mi sembra un reskin molto di superficie di Blades, e sono abbastanza deluso dal fatto che non abbiano ristrutturato molto nemmeno il sistema delle rivendicazioni, che ho sempre trovato abbastanza goffo.


  1. Dato che sento pronunciare questa parola sempre sbagliata, si pronuncia “bæck”, non “beik”. Se no sei un panettiere. ↩︎