Richiesta suggerimenti per creazione Fronti

Ciao a tutti, vi chiedo un suggerimento per la gestione dei fronti e della campagna di AW che sto provando a giocare con alcuni amici.
Cercherò di essere sintetico, ma purtroppo so già che non ci riuscirò. Ho tolto le mie osservazioni personali che magari inserirò più avanti.

La nostra apocalisse
Il mare ricopre tutto tranne alcune piccole isole (probabilmente le cime delle vecchie montagne). Periodicamente si scatenano forti tempeste ed altri eventi atmosferici. Le stesse isole non sono stabili e, a volte, tendono ad inabissarsi nuovamente.
Sul mare navigano grandi navi/fortezza (tipo portaerei, petroliere,…) intorno alle quali si accalcano per protezione e guida, altre piccole barche, come una sorta di città galleggianti.

I personaggi

  • Cinghia, Strizza cervelli. Veste ancora con una sorta di camicia di forza (da cui il nome). Finora si è mostrata estremamente fredda e cinica.
  • Colonnello, Fortificatore. il comandante di una delle navi fortezza. Ha con sé una ciurma di veri e propri pirati, feroci ma disciplinati. La nave è la sua vita e la sua priorità. Si occupa a volte di razzie a volte di commercio e gioco d’azzardo (ha un casinò a bordo).
  • Jesus, ricettatore. Vive su una piccola caravella che segue la nave fortezza di Colonnello. Colleziona cianfrusaglie dell’epoca passata e ha una scimmia per compagna. E’ quello a cui le persone della nave si rivolgono quando si rompe qualcosa.

Le prime sessioni
Ho fatto partire il tutto su una piccola isola dove la nave di Colonnello si era fermata per mercanteggiare. La ciurma, arrabbiata perché non c’erano pesci, si è scatenata mandando in fin di vita una giovane del luogo. Colonnello, che non era riuscito a bloccare i suoi uomini, ha deciso di portare sulla nave questa ragazza in fin di vita e probabilmente paralizzata per farla curare ma senza successo.
Nel mentre Jesus ha scoperto che i suoi clienti stavano iniziando ad abbandonarlo in favore della nuova riparatrice della nave, una giovane di nome Lala.
Cinghia, ingaggiata dalla moglie del capo per cercare le prove della sua infedeltà, si scontra proprio con Lala (che stava cercando le attenzioni del capo in cerca di qualche oggetto da recuperare) e la uccide. Un componente della ciurma vede quello che è successo ma Cinghia lo tranquillizza dicendo che lo dirà lei al Colonnello (cosa che ovviamente non fa).
Una guardia del capo si innamora di Cinghia e inizia a seguirla.
Una clandestina sale sulla piccola nave di Jesus per andare a vedere il mondo, ma la convivenza è difficile.
Intanto il mare verso mezzogiorno diventa rosso come sangue. La ciurma è spaventata e nervosa. Il Colonnello e Jesus studiano la situazione ma senza scoprire nulla. Il colonnello apre la mente al Maelstrom (che è una sorta di Kraken che gli parla) ma senza scoprire nulla: scopriamo invece noi che sulla nave viaggia un figlio di Colonnello con sua madre.
Cinghia ha una visione in cui vede la ciurma sempre più tesa per il mare rosso, finchè non scoppia in violenza.
In un’altra occasione scopriamo che Cinghia è stata probabilmente messa in manicomio dai genitori o comunque abbandonata, dopo aver ucciso un cagnolino.
[Qui mi sono reso conto che l’isola era troppo piccola e non mi forniva più spunti quindi hanno navigato fino ad un isola più grande, l’isola di Mulino]
Sull’isola di Mulino (grande isola che sembra il cratere di un vulcano con una città all’interno) scoprono che è ormeggiata un’altra grande nave.
I personaggi si recano sull’isola e scoprono che tutti gli abitanti sono vestiti uguali e che nell’isola tutti lavorano e tutto è in comune. L’isola è governata dal Primo Fratello. Loro parlano con Fratello commerciante che li convince a vendergli delle armi. Per ottenere un buon prezzo vuole però che Colonnello convinca la capitana dell’altra nave ad andarsene.
Cinghia passa la notte sull’isola e incappa in un cittadino che ha rubato del cibo per la madre malata. Scoperto dalle guardie, viene portato alla “casa in collina” per essere rieducato.

FRONTE UNO – [NON SO COSA METTERE] – La dittatura dell’isola di Mulino
L’isola è retta da una sorta di dittatura comunista dove il Primo Fratello. Sotto l’Isola c’è un bunker (quasi) anti-atomico dove una società è sopravvissuta finora, pur con gravi mutazioni dovute ai metodi di coltivazione del cibo sotterraneo. Il Primo Fratello è l’unico che sa del bunker e controlla ogni cosa tramite le informazioni che riceve dagli abitanti del Bunker sotterraneo, che hanno un sistema elettronico di sorveglianza dell’esterno dell’isola.
I cittadini sono costretti a lavorare tutto il giorno nei campi e nei frutteti dell’isola.
Alcuni cittadini credono fermamente nel nuovo corso politico. Gli altri obbediscono perché hanno visto cosa succede a chi si ribella o anche solo parla contro il nuovo governo.

  1. Grottesco – Il Primo Fratello
  2. Culto – I cittadini convinti della bontà del governo del Primo Fratello
  3. Fossa brulicante – Il Bunker – Animali mutanti riescono a scappare creando periodicamente danni sull’isola

Obiettivo/futuro: l’equipaggio delle navi si unisce ai fratelli dell’Isola per sempre.

Conti alla rovescia:
Il culto si estende: il culto tiene d’occhio gli equipaggi; il culto offre una festa; il culto offre agli equipaggi quello che vogliono; il culto fa proseliti; l’intero equipaggio rimane sull’isola.
La rivolta del Bunker: qualcuno nel bunker scopre che esiste l’esterno; i bunkerini corrono fuori per conquistare tutto…

FRONTE DUE - DISPERAZIONE – Qualcosa emerge dall’Oceano
Prendendo spunto dal Kraken con cui Colonnello parla nel Maelstrom ho pensato che il Maelstrom fosse l’unione delle coscienze e dei pensieri di grandi mostri marini (tipo gli antichi di Chtulhu) che hanno causato lo scioglimento dei mari e che ora stanno solo aspettando che alcune radiazioni solari vengano meno per poter salire in superficie.
L’idea è che il mare diventi rossa sangue sempre più a lungo per una diversa rifrazione della luce sulle onde.
La ragazza lasciata in fin di vita e paralizzata dalla ciurma del Colonnello riesce a sentire le voci dei mostri e intorno a lei e al figlio di Colonnello si crea un culto che si priva dell’udito per sentire questi mostri e prepararne l’avvento. Ovviamente la ragazza ne approfitta anche per vendicarsi di quello che le è stato fatto.

Grotteschi – Mutante - La ragazza (impulso, brama riparazione/risarcimento)
Bruti - Culto – Il culto del silenzio (vittimizzare e includere persone)
Afflizione – Sacrificio – Il culto cerca di estendersi togliendo l’udito a coltellate agli altri abitanti della nave (privare le persone di qualcosa)

Obiettivo/futuro: il mare si riempie di mostri giganti che impediscono qualsiasi viaggio per mare

Conti alla rovescia
Il mare di mostri: il mare diventa ogni giorno più rosso; il sole si fa più freddo; grandi arti vengono visti all’orizzonte; la nave dell’altra capitana viene divorata; i mostri emergono.

Il culto del silenzio: storie iniziano a diffondersi sulla nave; il figlio di Colonnello mutila rendendosi sordo; la sordità si diffonde; i membri della ciurma che hanno pestato la ragazza vengono dati in pasto al mare; il culto si impadronisce della nave.

FRONTE TRE – AMBIZIONE - Il capitano dell’altra nave fortezza
Il capitano della nave ormeggiata sull’isola di Mulino ha intenzione di conquistare l’isola e di appropriarsi del bunker sotterraneo. Vuole schiavizzare tutti gli abitanti dell’isola e della nave di Colonnello.

  1. Signore della guerra – Schiavista:
    Il capitano della nave ormeggiata sull’Isola di Mulino
  2. Bruti: la ciurma della nave fortezza
    Obiettivo/futuro: il signore della guerra conquista l’isola e rende schiavi tutti gli abitanti;

Conti alla rovescia:
L’attacco all’isola: la capitana studia la situazione; la capitana prende prigionieri; la capitana attacca la nave di Colonnello; la capitana cannoneggia l’isola con armi chimiche.
L’isola di Mulino si svuota: la capitana inizia a farsi conoscere sull’isola; alcuni chiedono di unirsi per fuggire; il primo Fratello si vendica; le persone fuggono in massa verso la nave; gli abitanti che pensavano di trovare rifugio vengono tutti schiavizzati.

3 Mi Piace

mi sembra tutto molto molto bello.

Di cosa hai bisogno esattamente?

Che tipo di suggerimento? In merito a cosa?

3 Mi Piace

In generale cerco consigli perché è la prima volta che mi cimento e quindi non sono sicuro di avere fatto le cose come si deve.
Alcune mie perplessità sono:

  • mi sembra di avere fatto poche domande e di avere poco materiale per integrare i personaggi all’interno della campagna.
  • ho la sensazione che i fronti colpiscano lontano dai giocatori (tipo sarei in difficoltà se tutto d’un colpo il fortificatore dicesse: Bon, adesso partiamo e andiamo su un’altra isola, qui non c’è nulla di cui mi freghi effettivamente qualcosa).
  • temo che il fronte relativo ai mostri marini non sia bloccabile dai giocatori. La mia idea era che eventualmente potessero trovare rifugio nei bunker, ma al momento il destino incombente sembra praticamente già tracciato.

In generale i personaggi hanno poche poste in ballo. Mi sembra che non siano attaccati a nulla e quindi mi danno problemi a metterli in difficoltà o comunque spronarli a agire.

1 Mi Piace

Non conosco i tuoi giocatori, ma potresti fare domande più provocanti, anche adesso, durante lo svolgersi della campagna:

  • “Perchè la ragazza paralizzata somiglia come una goccia d’acqua a Cinghia?” Boom! Vuoi che non siano curiosi di scoprire il mistero che le lega?
  • “Jesus, ieri hai sentito Chiquita, uno dei manovali del Colonnello, parlare con altra ciurmaglia di un tesoro che sembra venga tenuto nascosto nel Bunker. Cosa potrebbe essere, secondo te, e come potrebbe esserti utile?” “Lo dirai al Colonnello, o ti farai più vicino a Chiquita per saperne di più?” Boom! Chiquita diventerà un amicone di Jesus? Il Colonnello si risentirà per questo? (Triangoli, triangoli…)
  • “Colonnello, in passato hai incrociato le lame con questa famosa Capitana? Perché ti ha sconfitto la prima volta?” Boom! Scatta la voglia di rivalsa, per non voler essere di nuovo battuto!

No, non dirlo neanche per scherzo :smiley:. Lascia a loro trovare un piano, e non precludere che possa funzionare.
Io, ad esempio, cercherei di comunicare con uno dei Grandi Mostri che probabilmente è in disaccordo con la combriccola che si è coalizzata diventando il Kracken e riducendo il mondo ad una palla ammollo. Cosa vuole il Grande Mostro dissonante? Mah, forse essere il solo mostro a nuotare nei mari. Forse essere adorato e apprezzato dagli uomini.

3 Mi Piace

A proposito: il mio consiglio è di buttare dentro elementi non troppo apocalittici, ogni tanto.
Sia per scaricare la tensione, ogni tanto, sia per accrescere la sensazione di vita strana, di ricerca di normalità anche in situazioni fottutamente storte.

In questo, qualche cliché che arriva dagli anime potrebbe funzionare, se hai dei giocatori che stanno al gioco.

“Coooosa? Un gruppetto della ciurma ha deciso di andare alle sorgenti termali vicine a Mulinooo? Chi gli ha dato il permesso? E cosa ci vanno a fare!?”
Un pomeriggio rilassante, per fregarsene di tutto e di tutti… l’apocalisse può attendere :rofl:

“Da quando quei miseri capitani di nave organizzano una gara clandestina intorno all’isola? Quali sono le regole per partecipare? Cosa si vince?”
Una gara? E magari partecipano anche dei nemici giurati ma… secondo le regole non è possibile attaccarli direttamente, durante la competizione! Un ottima occasione per conoscerli meglio , o magari forgiare strane alleanze con i loro sottoposti.

4 Mi Piace

Ciao,

potrei dirti assurdità perchè ho solo la seconda edizione che non contiene i fronti, ma solo i le minacce.

ho alcune domande:

FRONTE UNO

Parli di cittadini che credono ad un governo e di chi invece fa rispettare le regole facendo chianre la testa ai sovversivi, ma tra le minacce non le vedo.

in realtà, sembra che chi controlla l’isola siano gli abitanti del Bunker che passano le informazioni al Primo Fratello ( ovviamente…passeranno le informazioni che ritengono necessarie alla loro causa, giusto?). Poi però leggo l’orologio del bunker e…mio dio!?! L gente del bunker scopre che c’è un fuori? ma non avevano sistemi elettronici per controllare l’esterno? bisogna che chiarisci come stanno le cose in questo fronte e quali sono le dinamiche di potere e i vari obiettivi.

Mi sembra che ridurre il bunker a fossa brulicante, mi smonta la premessa inziale che era carina ( e mi fa molto LOST e the 100).

Il primo fratello che impulso ha? vista la premessa è tra controllo oppure brava sazietà ed abbondanza. Che mosse ha per adempiere al suo impulso e cosa è disposto a fare per ottenerla? metterebbe a rischio il culto?

Il culto immagino voglia assimilare l’equipaggio della nave (da quì l’obiettivo del fronte) e capisco che il primo fratello lo voglia. Il primo fratello, per inciso, fa parte del culto stesso, Giusto?

la fossa, ce la vedo slegata con l’obiettivo del fronte che addirittura crea danni ai cultisti e potrebbero far allontanare l’equipaggio dall’isola. Potrei però dire una minchiata perchè magari le minacce del fronte possono non avere un obiettivo comune (ripeto, ho solo la seconda edizione).

FRONTE DUE - DISPERAZIONE – Qualcosa emerge dall’Oceano

Mi dici che nel Malestrom ci sono le coscienze dei mostri, ma poi non mi espliciti questa minaccia. E’ un ottimo spunto (minaccia) da usare quando qualcuno apre la mente al maelstrom.

I fronti ti devono aiutarti durante la giocata. inoltre hai detto che i mostri sbucheranno fuori per le radiazioni solari e sarebbe bello legarlo ai pg.

Altra nota, parli di un mare bulicante e di gente che viene dato in pasto al mare, ma anche qui manca nel fronte, ma in generale è strano che non esista una minaccia Mare. Avete creato un mondo fatto di mare e di tempeste che inondano isole…ma non c’è la minaccia che era la premessa della vostra apocalisse. E’ strano. Può anche starci che non sono gli argomenti che volete affrontare in queste sessioni di gioco, ma occhi! Se lo avete messo in sessione 0 forse qualcuno si aspetta di vederlo in gioco. Again, le minacce sono un supporto per te e quando ti serve, tac! hai già preparato tutto.

L’afflizione non va bene. Chi priva dell’udito sono i cultisti che hanno l’impulso di vittimizzare le persone pugnalandole il timpano (bastardi!). Quindi è una ridondanza. Mi chiedo…ma poi senza udito sentiranno le voci? questo potrebbe rendere tutto interessante ed allora l’affiliazione, sarebbe che l’equipaggio comincia ad auto-mutilarsi per poter “sentire” le voci. Quindi si creeranno fazioni di chi pensa che sia una bufala e chi no, ci sono sordi tra l’equipaggio che creeranno incidenti senza volerlo ecc…
I bruti sono ben definiti, mentre l’afflizione è qualcosa di indefinito, come una malattia che si espande a macchia d’olio.

Infatti poi, nell’orologio mi pare che tu abbia messo una cosa simile…

L’obiettivo di questo fronte è far di far comparire mostri in mare, ma ancora, non c’è nessuna minaccia che spinga verso questo obiettivo. il culto fa aumentare le radiazioni? la sordità fa collegare le menti al maelstorm e le radiazioni aumentano oppure la connessione con queste creature le rende più forti ed influenzano il sole?

non so mi pare tutto slegato.

FRONTE TRE – AMBIZIONE - Il capitano dell’altra nave fortezza

Il signore della guerra consiste in lui, il capitano e la sua ciurma (i bruti che hai aggiunto sotto). Quindi i bruti non vanno bene, a meno che alcuni di loro, non agiscano in maniera slegata e con obiettivi differenti che vuoi evidenziare.

il conto alla rovescia non mi è chiaro. ne hai messi due contrastanti in cui prima spara alla nave dei pg e poi l’isola. L’altro orologio le persone fuggono sulla nave e vengono schiavizzati. Mi sembra confusionario.

Conclusione

Secondo me hai messo tanta carne al fuoco e rischi di perderti tenendo tanti fronti aperti e magari fatichi a chiuderli o sbatterli concretamente in faccia ai PG.

Secondo me, in AW 2, Baker fa un ottimo lavoro introducendo la mappa delle minacce. Qualcuna è vicina e presente mentre altre sono lontane, quindi non considerare per il momento. Nel primo fa una cosa del genere?

1 Mi Piace

Grazie mille a tutti per i suggerimenti e per gli spunti nelle domande.

Concordo sul fatto di avere forse troppa carne al fuoco. Nell’ultima sessione sono riuscito a introdurre l’idea dell’esistenza del Bunker e ora si apprestano a cercare di scoprirlo.

Se la seconda edizione non ha i fronti… potrei procurarmi la seconda edizione :wink:

A parte gli scherzi.

Sull’isola: l’idea che c’è qualcuno che fa rispettare le regole l’avrei inserito all’intero della minaccia:

“ 1. Culto – I cittadini convinti della bontà del governo del Primo Fratello”

La mia idea sul Bunker è che gli abitanti del Bunker non sappiano che esiste ancora un esterno, tranne alcuni (o uno, devo ancora deciderlo) che invece scambia con l’esterno informazioni in cambio di cibo Infatti nel bunker esiste cibo ma nel tempo a causa dei prodotti usati per coltivarlo induce mutazioni. Quindi gli abitanti del Bunker sono in parte mutati, soprattutto gli animali come insetti e topi dato che non prendono nulla per contrastare queste mutazioni. I capi del bunker (carica ereditaria) sono gli unici a mangiare sano e a mantenere quindi la lucidità per governare il tutto.

L’avevo pensato come fossa brulicante in quanto avrebbe sputato fuori mutanti animali per vivacizzare l’azione. Cosa che tra l’altro ho fatto nella scorsa sessione facendo emergere un topolone gigante mutante che, grazie all’apertura della mente al maelstrom di Cinghia, ha portato alla scoperta dell’esistenza di questo bunker.

Il primo fratello ha l’impulso del controllo. Al momento vorrebbe armi per difendersi dall’esterno e, nella sua idea, per conquistare il Bunker, dato che anche lui sente delle voci di sciagura imminente.

Se non riuscirà a imprigionare/convincere gli abitanti delle navi, preferirebbe che se ne andassero (una volta ottenute le armi tramite commercio) per poi aumentare il suo controllo sull’isola.

Il Primo fratello è il capo di questo culto (che in realtà è una sorta di organizzazione politica che permea tutta la società, tipo il Partito di 1984).

Fronte due - L’oceano

Diciamo che non abbiamo messo la minaccia mare come esplicita perché questo implicherebbe una sfida diretta contro le forze della natura del mare mentre abbiamo dato abbastanza per assodato che queste super navi riescono a tenere botta sull’oceano ed è per questo che la civilità si è ri-organizzata intorno a loro.

È vero che non c’è un collegamento diretto tra il culto del silenzio e la comparsa dei mostri. Potrei effettivamente decidere di piazzare qualcosa nel bunker, tipo il controllo per far esplodere una atomica in cielo, modificando l’atmosfera. Questo velocizzerebbe il loro arrivo e porterebbe il culto ad interessarsi a sua volta al bunker. Che ne pensate?

Oppure effettivamente le creature potrebbero utilizzare la forza di chi si collega con loro per deviare la terra leggermente dall’asse e facilitare le radiazioni solari

Fronte tre.

È vero che i bruti si collegano al signore della guerra. Nella prima edizione Baker dice di scegliere tre minacce per ogni fronte. Sinceramente a parte il Signore della Guerra non ero riuscito a pensare ad altre minacce collegate a questo stesso fronte.

Potrei pensare di giocare solo due fronti e inglobare il Signore della Guerra e il suo conto alla rovescia all’interno dell’isola.

È vero che i due fronti sono in parte un po’ contrastanti: in particolare il secondo non è un piano diretto del Signore della Guerra. Mi piaceva però l’idea di affrontare l’effetto che una nuova barca con qualcuno di potente e in parte interessato all’isola potesse avere sulla “resistenza” interna all’isola. L’idea di una sorta di liberatore che però si si rivelerebbe poi un tiranno. Però in effetti non è collegato direttamente ai giocatori. Potrei tenerlo come idee da esplorare, ma senza collegarlo direttamente a un fronte di minaccia.

1 Mi Piace